skip to Main Content

Ed io cosa posso fare?

Ed Io Cosa Posso Fare?

Ed io cosa posso fare?

Cari tutti,
come già anticipato ecco l’invito al prossimo appuntamento sul tema della Grande Guerra che ha per titolo “«Ed io cosa posso fare?» La contessa Lina Bianconcini Cavazza e l’Ufficio Notizie durante la Grande Guerra”.

In questa nuova occasione vi racconteremo un’esperienza molto importante e che riguarda molto da vicino la nostra città. Si tratta dell’Ufficio Notizie alle famiglie dei militari di terra e di mare che la contessa Lina Bianconcini Cavazza organizzò e promosse durante la Prima guerra mondiale come punto di contatto tra le famiglie e il fronte di combattimento. Si trattò di una straordinaria opera che riuscì a conciliare la solidarietà umana all’efficienza organizzativa (si trattò infatti di coordinare migliaia di Uffici distribuiti in tutta Italia e all’estero grazie al contributo di un “piccolo esercito” di volontari). Il legame con il nostro territorio è dato dal fatto che la contessa Cavazza faceva parte di una delle famiglie più prestigiose della nostra città e perché la direzione di questa opera aveva come centro Bologna.

A parlarvi di questa storia ricca di umanità sarà Lucia Gaudenzi che su questo tema ha dedicato le sue tesi di laurea e altri articoli. Siamo inoltre molto onorati della disponibilità mostrataci dai discendenti della contessa Cavazza che hanno accettato il nostro invito a partecipare a questo incontro. Francesco Cavazza Isolani, a cui sono legato personalmente da una profonda amicizia, introdurrà la serata, mentre le conclusioni saranno affidate a Francesco Alberti La Marmora e a Natalia Mori Ubaldini.

Vi aspettiamo giovedì 22 novembre alle ore 18.30 presso l’Istituto dei Ciechi F. Cavazza in via Castiglione n. 71 a Bologna. Per l’occasione sarà inoltre possibile visitare il Museo Tolomeo dove è raccontata in forma emozionale la storia dell’Istituto attraverso il patrimonio degli oggetti usati nel corso degli anni.

Nel seguito trovate l’invito che vi prego di estendere a chi ritenete interessato all’iniziativa.

A presto,

Francesco Bernardi
Presidente dell’Associazione Culturale per gli Incontri Esistenziali


Scarica l’invito

Back To Top