skip to Main Content

Comunicato Stampa 09/03/2018

SIAMO FATTI DI – VERSI, PERCHÉ SIAMO POESIA

Ingresso a offerta libera a favore del progetto di ricerca “Progetto Genoma 21”

Martedì 20 marzo alle ore 21.00 presso il Teatro Duse di Bologna, in occasione della Giornata Mondiale delle Persone con Sindrome di Down che l’ONU ha istituito il 21 marzo e che coincide, oltre che con l’inizio della primavera, anche con la Giornata Mondiale della Poesia, andrà in scena lo spettacolo in parole e musica dal titolo “Siamo fatti di-versi, perché siamo poesia” di Guido Marangoni, con Nicola De Agostini al pianoforte e Alessandro Stefani alla chitarra.

Lo spettacolo è ispirato alla vicenda biografica di Guido Marangoni, padre di Anna, una bellissima bambina con trisomia 21, che ci racconta: “Quando aspettavamo Anna e successivamente con il suo arrivo, ci siamo accorti quanto il web fosse pieno di informazioni molto tecniche, scientifiche e mediche sulla sindrome di Down (o su qualsiasi altra diversità genetica) e al tempo stesso quanto poco spazio fosse dedicato a storie di PERSONE che sempre, anche se a volte lo dimentichiamo, si nascondono dietro a questi termini tecnici. Abbiamo deciso di raccontare un punto di vista diverso, con leggerezza e senza prenderci troppo sul serio, narrando quello che Anna, a suo modo, ci suggerisce ogni giorno: ‘Io sono Anna, non sono la mia sindrome di Down!’. Probabilmente la sindrome di Down non è una buona notizia, ma chi si nasconde dietro questa invadente sindrome è SEMPRE una Buona Notizia!”.

Una testimonianza caratterizzata da una cifra comica e artistica, fra “calzini spaiati e cromosomi rubati”, che vedrà la partecipazione del professor Pierluigi Strippoli dell’Università di Bologna e che riporterà i primi risultati dell’importante ricerca “Progetto Genoma 21” per la quale saranno devolute le donazioni raccolte durante la serata. Il progetto, avviato nel 2013 sotto la guida del professor Strippoli e del professor Guido Cocchi, si ispira al pensiero scientifico del professor Jérôme Lejeune scopritore della causa genetica della sindrome di Down (tre copie invece di due del cromosoma 21, da qui trisomia 21). Per proseguire le ricerche, finalizzate ad identificare marcatori specifici per la sindrome di Down che possano diventare bersagli di terapie innovative, occorrono finanziamenti che, ad oggi, provengono soprattutto da iniziative e donazioni di privati.

Per maggiori informazioni sulla ricerca:  http://www.dimes.unibo.it/it/ricerca/biologia/genoma21

Lo spettacolo è promosso dall’Associazione culturale per gli Incontri Esistenziali (www.incontriesistenziali.com), presente dal 2015 nella città di Bologna con decine di iniziative pubbliche, in collaborazione con il Comitato Amici di Lejeune (www.amicidilejeune.it), CEPS Onlus Bologna e GRD Onlus Bologna.

Scarica il comunicato stampa
Back To Top